Home » DISABILITA' » Arriva l’app per affittare le auto dedicata alle persone con disabilità

Arriva l’app per affittare le auto dedicata alle persone con disabilità

La app per rent car tra persone con disabilità

La app per rent car tra persone con disabilità

In Francia è già attiva

Una app per le auto a noleggio per le persone con disabilità. Il suo nome è Wheeliz ed è il primo sito internet che consente ai disabili francesi di noleggiare ad altri disabili la propria automobile attrezzata per soddisfare esigenze particolari. Una iniziativa che riempie un vuoto lasciato dal mercato delle compagnie che affittano auto. L’intuizione è venuta ad una ragazza di 24 anni, Charlotte de Vilmorin. Colpita da una malattia neuromuscolare, la donna ha fondato la sua start-up con lo slogan “La mobilità è possibile insieme” e ha iniziato una campagna di crowdfunding che in poche settimane le ha già permesso di raccogliere € 15.000. Wheeliz, inoltre, si è classificato secondo alla 7a edizione del premio d’Oltralpe Étudiant entrepreneur en économie sociale.

Una app collaborativa

Viviamo in un mondo in cui l’innovazione e la mobilità sono ovunque. Ogni giorno scopriamo nuovi modi per andare oltre, più velocemente, e in maniera più economica. Ma quando si è in una sedia a rotelle, è ancora estremamente difficile esercitare il diritto alla mobilità. Se non impossibile. Questo perché spesso il trasporto pubblico non è attrezzato (senza ascensore nelle scale della metropolitana, a bordo del bus …), non si possono facilmente trovare auto attrezzate, o in un normale taxi che ha i supporti necessari. Pianificare una soluzione specializzata (contattando società di trasporto ad hoc) può essere molto costoso (€ 150 al giorno), e magari possono essere usate solo per distanze molto limitate e vincolante.
In Francia circa la metà delle persone con disabilità hanno apparecchiature adeguate sulle auto, e sono circa 100.000 i proprietari privati singoli di un veicolo munito e accessoriato. La app Wheeliz non sarà rivoluzione del trasporto dei disabili nel paese, ma senz’altro poter semplicemente condividere la flotta-auto, per dare a tutti i mezzi di muoversi liberamente ovunque e abbattere i costi, è senz’altro una cosa da accogliere con ottimismo.