Home » EVIDENZA » Autorizzata la messa in commercio di farmaci per le malattie rare

Autorizzata la messa in commercio di farmaci per le malattie rare

Farmaci per le malattie rare

Farmaci per le malattie rare

Agenzia europea per i medicinali e malattie rare

Nel 2014, l’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha raccomandato l’autorizzazione alla messa in commercio del maggior numero di farmaci mai registrato. E degli 82 medicinali per uso umano autorizzati lo scorso anno, sono 17 quelli destinati al trattamento di una malattia rara con poche o nessuna opzione di trattamento. Tra questi, la prima terapia per la distrofia muscolare di Duchenne e per la protoporfiria eritropoietica, una rara patologia genetica che causa intolleranza alla luce, ricorda l’Ema.

Farmaci per la distrofia di Duchenne

Le distrofie muscolari di Duchenne (Dmd) e di Becker (Dmb) sono due varianti, rispettivamente più e meno grave, della stessa malattia neuromuscolare caratterizzata dall’assenza o dalla carenza o dalla alterazione di una proteina chiamata distrofina. Queste condizioni portano a degenerazione del tessuto muscolare e quindi alla progressiva perdita di forza e riduzione delle abilità motorie. Nella Dmd la distrofina è del tutto assente e i primi sintomi si manifestano, generalmente, tra i 2 e i 6 anni. I bambini affetti spesso imparano a camminare in ritardo, mostrano un’andatura particolare (anserina), tendono a camminare sulle punte, hanno difficoltà a rialzarsi da terra, a saltare, a fare le scale. Tipicamente è presente un ingrossamento (ipertrofia) dei polpacci. La malattia progredisce causando grave scoliosi, perdita della deambulazione entro i 12 anni, quindi perdita della funzione degli arti superiori.  Nella Dmb, la distrofina è ridotta o alterata, ma mai assente. A livello motorio, le manifestazioni di questa forma ricalcano quelle della Dmd, ma in forma più lieve e con esordio più tardivo. Le complicazioni cardiache costituiscono il problema principale: se vengono riconosciute e curate in tempo, l’aspettativa di vita di questi pazienti può essere del tutto normale. L‘Osservatorio Nazionale sulle Malattie rare aggiorna continuamente i dati su queste e altre patologie.

Terapie a base di cellule staminali

Il 2014 ha visto anche la prima raccomandazione nel mondo di una terapia a base di cellule staminali. Il medicinale  in questione è un trattamento per la carenza di staminali limbari ovvero un disturbo oculare che può portare a cecità. Per questi tre farmaci sono stati utilizzati percorsi normativi speciali (autorizzazione all’immissione in commercio condizionata e approvazione in circostanze eccezionali). Questi meccanismi si possono utilizzare per accelerare l’accesso al mercato dei farmaci che vanno incontro a esigenze mediche insoddisfatte, ma per i quali non è possibile garantire dati completi al momento della domanda di autorizzazione all’immissione in commercio. Sono stati inoltre raccomandati 8 nuovi farmaci per tumori rari. Nel complesso – conclude l’Ema – il numero di medicinali contenenti nuove sostanze attive continua ad aumentare. Uno su due, sia orfani che non orfani, raccomandati nel 2014 conteneva una sostanza mai utilizzata prima.