Home » CULTURA » I campeggi socio educativi e didattici nel Lazio, una tavola rotonda

I campeggi socio educativi e didattici nel Lazio, una tavola rotonda

Campeggi e soggiorni socio-educativi nel Lazio, una tavola rotonda per fare il punto sulla legge regionale (Foto: Base Scout "la Valletta" Roma, http://www.basescoutlavalletta.it)

Campeggi e soggiorni socio-educativi nel Lazio, una tavola rotonda per fare il punto sulla legge regionale (Foto: Base Scout “la Valletta” Roma, http://www.basescoutlavalletta.it)

La regione Lazio ed il Forum del Terzo Settore regionale fanno il punto sulla legge per l’educazione en plein air

Il valore educativo della vita all’aria aperta. Questo il tema centrale della tavola rotonda promossa dal Forum del Terzo Settore del Lazio sui campeggi socio educativi e didattici nel Lazio per fare il punto sull’attuazione della Legge Regionale n. 25 del 23-10-2009, intitolata, appunto, «Disposizioni per la tutela e la regolamentazione dei soggiorni socio-educativi e didattici nel territorio della regione Lazio».

Lo stato dell’arte del rapporto tra scautismo, territorio ed ambiente

Al dibattito, introdotto da Gianni Palumbo, portavoce del Forum del Terzo Settore del Lazio e moderato da Daniele Caldarelli, Capogruppo Agesci – Associazione Guide Scout Cattolici Italiani – e fondatore del Forum del Terzo Settore Lazio, partecipano esponenti e rappresentanti dell’associazionismo locale e regionale legato allo scautismo e alla tutela e alla valorizzazione del territorio e dell’ambiente.

Il programma degli interventi

Numerose le buone prassi locali rappresentate nella tavola rotonda. Dai comuni del viterbese di Capranica, con l’associazione gli Argonauti, presente alla tavola rotonda con il presidente Alessandro Mezzetti ed il progetto di accoglienza “Casale della Nocerqua“, e quello di Bassano in Tiberina, con Leandro Tifi ed il campo scout BP park, fino a Piero Moscardini, Sindaco di Vallinfredda, in provincia di Roma, e al XV Municipio di Roma Capitale, con il presidente Daniele Torquati, che racconterà dell’esperienza, maturata nel territorio municipale, del gruppo scout Agesci Roma 2 e della base “La Valletta“. Sul rapporto tra ambiente, territorio ed il loro potenziale socio-educativo interverrà Andrea Filpa, delegato del WWF per il Lazio, che illustrerà l’esperienza del sistema delle oasi della regione.  A rappresentare il movimento scautistico David Remotti della FSE, Federazione dello Scautismo Europeo, membro del gruppo di lavoro sul protocollo d’intesa sui parchi regionali, e Francesco Barchiesi, Coordinatore regionale per il Lazio della CNGEI, Corpo Nazionale Giovani Esploratori ed Esploratrici Italiani, che affronterà il tema della valorizzazione di immobili pubblici grazie allo scautismo. A suggello del dibattito verrà simbolicamente consegnata la bozza del regolamentazione della legge regionale. Concluderà i lavori Fabio Refrigeri, Assessore della Regione Lazio alle Infrastrutture, alle politiche abitative e all’ambiente.