Home » APPROFONDIMENTI » Expo 2015, strumenti per l’ accessibilità

Expo 2015, strumenti per l’ accessibilità

(Internet)

progetto Expofacile

Sul portale Expofacile.it vi sono tutte le informazioni e gli itinerari

Al prossimo Expo 2015 di Milano sono attese oltre 200 mila persone con disabilità, delle quali 7 mila hanno già acquistato il biglietto con lo sconto del 50%.

Per la loro accoglienza ed informazione sull’accessibilità delle strutture sono stati già elaborati diversi progetti, come un sito internet, percorsi e mappe particolari  e un numero telefonico per chiedere ogni tipo di informazione (0202015).

Il portale Expofacile.it, di cui abbiamo già parlato su Sociale.itè stato promosso dalla Regione Lombardia e dal Comune di Milano , realizzato dalla LEDHA (Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità) e dall’ UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) con il sostegno di UniCredit Foundation.

La mobilità accessibile

Il servizio vuole offrire  informazioni, suggerimenti e consigli ai cittadini e ai turisti con disabilità e con bisogni specifici per muoversi in autonomia nei padiglioni di Expo 2015 e nella città.

Si possono trovare schede sull’ accessibilità di un’ottantina tra alberghi, ristoranti e musei, sui mezzi di trasporto e sui servizi sanitari e ospedalieri.

Il portale inoltre fornisce informazioni sulla mobilità e suggerisce dieci itinerari turistico culturali particolarmente adatti ai turisti con disabilità, i due punti informativi e le informazioni sui taxi speciali.

ExpoFacile è anche “social”, grazie all’apertura di una pagina Facebook e dell’account di Twitter. Per la promozione dell’iniziativasono stati realizzati anche due videospot da 15 e 30 secondi.

expofacile.it, il portale per l'accessibilità dell'Expo 2015 di Milano

expofacile.it, il portale per l’accessibilità dell’Expo 2015 di Milano

Gli operatori dedicati

Vi sarà anche la possibilità  per gli utenti di avvalersi di un servizio di Back office dedicato alle diverse esigenze.

A tale scopo sono stati organizzati corsi di formazione per gli operatori pubblici e per quelli dei punti informativi e si sono svolti incontri di sensibilizzazione per i commercianti, per le guide turistiche, per gli albergatori e per gli operatori culturali.

Fondazione Triulza ha poi stretto una partnership con la start-up S.T.R.A.D.E. Sistema Turistico Rete Accoglienza Diffusa, per gestire l’accoglienza dei visitatori che saranno presenti a Cascina Triulza, il Padiglione della Società Civile.

Attraverso un network di cooperative sociali, garantisce diverse strutture ricettive e servizi  come trasporti, assistenza medico/ infermieristica, accompagnamento e guide turistiche, fornitura pasti e disbrigo pratiche.