Home » APPROFONDIMENTI » Roma, i bandi per il Patrimonio bene comune

Roma, i bandi per il Patrimonio bene comune

(Internet)

Patrimonio bene comune

Spazi abbandonati concessi per lo sviluppo e la cultura

Il Patrimonio bene comune come opportunità per rivitalizzare il tessuto economico e culturale della città.

Per questo Roma Capitale ha indetto due bandi pubblici per l’assegnazione di spazi finalizzati allo sviluppo della nuova imprenditoria giovanile e alla diffusione delle attività di produzione culturale.

Emessi ad aprile in attuazione della Delibera G.C. n. 219/14, i bandi prevedono l’aggiudicazione in locazione e/o concessione di 20 locali situati in centro ed in periferia, per incentivare la coesione sociale, la tutela ambientale e la promozione del territorio.

L’iniziativa vede il bene comune come strumento per sviluppare attività innovative e rafforzare la partecipazione comune, consentendo, anche grazie ad attività di riqualificazione, il pieno recupero di locali inutilizzati.

Imprenditoria giovanile

Il primo bando si rivolge a nuove imprese giovanili in grado di portare occupazione ed integrazione nel territorio. Prevede l’assegnazione di 14 locali in centro ed in periferia, per lo sviluppo di progetti imprenditoriali innovativi promossi da giovani. 

Potranno concorrere micro e piccole imprese, cooperative e lavoratori autonomi per lo sviluppo di un’iniziativa economica in grado di incrementare l’occupazione per i giovani al di sotto di 40 anni di età e di riqualificare il tessuto economico cittadino.

L’assegnazione e dei locali è prevista in locazione, per la durata di sei anni rinnovabili per altri sei, ad un canone proporzionato alla localizzazione degli immobili e allo stato di manutenzione, con oneri di ristrutturazione a carico dei proponenti.

Bando sviluppo imprenditoria giovanile

Produzione culturale

Il secondo Bando prevede l’assegnazione di 6 immobili per la realizzazione di attività culturali finalizzate a promuovere la produzione culturale e la rigenerazione del tessuto sociale della città.

La gara è rivolta ad enti morali, associazioni, fondazioni, organizzazioni di volontariato, onlus ed enti no profit, aventi come finalità prioritarie la produzione e diffusione culturale, l’educazione e formazione, la valorizzazione del territorio.

L′assegnazione degli immobili è prevista per la durata di sei anni rinnovabili ad un canone che potrà essere abbattuto dell’80% rispetto al valore di mercato, anche attraverso la concessione di un “canone di autorecupero” per lavori di riqualificazione.

Bando attivita culturali

Sul sito web del Comune si può visionare il testo integrale dei bandi, la modulistica,  le schede dei locali ed il calendario delle visite collettive.

La domanda di partecipazione dovrà essere recapitata al Dipartimento Patrimonio Sviluppo e Valorizzazione (Piazza Giovanni da Verrazzano 7) entro il 12 giugno 2015.

Per Informazioni tel: 06 – 671073163 tel: 06 – 67104788  (martedì 10 – 12; giovedì 14.30 – 16:30) email: augusto.simeone@comune.roma.it