Home » APPROFONDIMENTI » Accesso ai farmaci come diritto umano

Accesso ai farmaci come diritto umano

L'Agenzia Italiana del Farmaco autorizza l'immissione sul mercato di nuovi farmaci sulla base della loro sperimentazione

L’Agenzia Italiana del Farmaco e la garanzia di accesso ai farmaci

 

Accesso ai farmaci, un diritto umano: progetto Salute-Aifa per migranti e soggetti fragili

Accesso ai farmaci come diritto umano: assicurare l’accesso alle cure farmacologiche per le fasce più deboli della popolazione, in particolare per i migranti va considerato come «diritto inalienabile della persona». E’ inoltre necessario estendere lo studio e la ricerca sugli effetti dei farmaci nelle popolazioni vulnerabili e con particolari bisogni (anziani, bambini e donne, ma anche persone immigrate) e creare una database funzionale; importante poi creare una sezione informativa sul sito dell’Aifa in italiano e in inglese. Sono le priorità del progetto «Accesso ai farmaci, un diritto umano» presentato da Aifa e dal Ministero della Salute. «Questa iniziativa dell’Aifa – ha detto alla stampa il ministro della Salute Beatrice Lorenzin – riguarda un tema su cui il Ministero è particolarmente sensibile e attivo: l’assistenza ai migranti. La possibilità di avere a disposizione un database con una cartella clinica che accompagni la storia del migrante e possa essere veicolata su tutto il territorio europeo è un’ulteriore risorsa che il nostro Paese mette a servizio della salute pubblica, della solidarietà e della sicurezza».

Gli obiettivi dell’Aifa rispetto al progetto

Il presidente dell’Aifa ha detto: «L’Aifa ha avvertito il dovere etico e sociale – spiega il nuovo vertice dell’authority – di promuovere e proteggere, attraverso l’uso appropriato dei farmaci, la salute di malati vulnerabili, quali sono i migranti, gli emarginati e le fasce deboli della popolazione, e favorire una maggiore comprensione dei diritti e delle modalità di accesso alle cure da parte di questi pazienti. L’accesso alle cure è infatti un diritto dell’uomo, sancito dalla Costituzione e dai trattati internazionali, e l’Aifa con il sostegno del Ministero, non poteva sottrarsi alla responsabilità di porre un’attenzione speciale a una realtà fragile sempre più presente sul nostro territorio, quale quella dei migranti». Grande attenzione anche ai migranti. «Lo stato di salute dei migranti – spiega il direttore generale dell’Aifa, Luca Pani – è pericolosamente esposto a fattori di rischio legati a condizioni di vita spesso precarie (ad esempio, i lunghi viaggi). In queste situazioni un uso consapevole dei farmaci è fondamentale». «Un ulteriore obiettivo – si legge in una nota del ministero – è la creazione di un network per lo scambio di informazioni che coinvolga, oltreché Aifa e Ministero, le principali istituzioni e organizzazioni attive nel campo dell’assistenza sanitario-farmacologica ai migranti, per rendere possibile l’acquisizione e l’analisi di dati da utilizzare in ambito regolatorio, ad esempio per il monitoraggio dell’appropriatezza delle prescrizioni e dell’aderenza alle terapie in questa categoria di pazienti». Secondo l’Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della povertà (Inmp), che dal 2007 si occupa di assistenza sociosanitaria, mediazione transculturale, formazione e ricerca , dal 2007 al 2015 gli accessi all’ambulatorio romano dell’Inmp sono stati 311.000 circa, di cui 85.000 italiani (una presenza in crescita). Tra le patologie più frequenti tra i migranti prevalgono le malattie della pelle, degli organi di senso e le malattie infettive parassitarie.