Home » APPROFONDIMENTI » Google supera Apple come azienda Hi Tech

Google supera Apple come azienda Hi Tech

Apple e Google eterne sfidanti

Apple e Google eterne sfidanti

I due concorrenti sempre ai primi posti

Google supera Apple come azienda Hi Tech. Google infatti si riprende il primato di più grande azienda pubblica del mondo, nonostante Apple resti quella con la capitalizzazione di Borsa più imponente, guardando dall’alto dei suoi 535 miliardi di dollari contro i 485 miliardi di Alphabet, la holding cui fanno capo Google Inc. ed altre società controllate. Ma se si guarda al valore d’impresa, che indica il valore ‘complessivo’ di un’azienda, Alphabet – dice il Financial Times – ha superato Apple a dicembre e vale ora 420 miliardi di dollari, contro il 393 di Apple. Rispetto ai massimi toccati nel 2015 Apple ha perso circa 200 miliardi di equity value. Anche se la società continua a registrare utili e fatturato da record, gli investitori sono preoccupati per la sostenibilità. La società è eccessivamente dipendente dall’iPhone – che vende sempre tantissimo ma il cui appeal non può essere eterno. A caccia di nuovi clienti, la società è sbarcata in Cina, centrando in pieno il suo obiettivo (il fatturato nel paese ha ormai surclassato quello registrato in Europa). Ma ora dove mai si potrà andare a vendere il dispositivo, sperando in nuovi record di afflusso di clienti?

L’effimero successo dei mercati…

L’analista John Strand ha sottolineato che neanche un colosso delle vendite come Apple può dirsi immune da possibili cambiamenti così come è successo al suo arrivo a ex star del mercato come Nokia e Motorola. Vi sono, anzi, molte similitudini tra la Motorola dei tempi d’oro e la Apple di oggi. “Entrambe sempre a produrre gli stessi dispositivi e ad attendere che la gente continui a comprarli. È la strategia che ha condotto Motorola al collasso”. Apple ha un portfolio prodotti più ampio integrato con l’ecosistema delle app. Ma non è eterna, tanto più che Apple Watch non sembra tirare tantissimo. In Europa, dove ha appena annunciato l’apertura del primo centro di sviluppo (in Italia, a Napoli), Apple deve affrontare i problemi legati all’utilizzo di sistemi aggressivi di ottimizzazione fiscale per pagare al minimo le tasse nei Paesi dove producono profitti. Con il fisco italiano la società ha patteggiato a dicembre, accettando di pagare 318 milioni di euro per definire un contenzioso inerente un’evasione contestata di circa 879 milioni di euro, ma ora rischia una multa miliardaria (8-19 miliardi di dollari) per l’accordo di tax ruling stretto con le autorità irlandesi e che la Ue potrebbe categorizzare come un aiuto di Stato illegale. Certo, nonostante queste previsioni, il futuro e il passato recente di Apple restano brillanti: la capitalizzazione di mercato rappresenta il 3,3% dell’indice S&P 500, che include le prime 500 aziende Usa in termini di capitalizzazione e circa il 7% dei profitti dell’intero indice.