Home » APPROFONDIMENTI » Il portinaio di quartiere e altre esperienze di sharing economy

Il portinaio di quartiere e altre esperienze di sharing economy

Sharing economy

Sharing economy

Il portinaio di quartiere a Parigi

Abbiamo già parlato sul nostro portale dell’esperienza delle Social street e di tutte quelle azioni possibili tra vicini di migliorare la vita partendo dal piccolo, attraverso azioni di resilienza per riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà. Circa un anno fa l’economista francese Charles Edouard Vincent ha lanciato a Parigi il progetto Lulu dans ma rue ovvero una sorta di portierato di quartiere.

Il nome Lulu è quello di un vero e proprio chiosco, dove le persone del quartiere possono rivolgersi per risolvere problemi pratici della vita di tutti i giorni come cambiare una guarnizione a un rubinetto, fare un orlo ad un pantalone, riparare un semplice guasto elettrico. Il portinaio della strada ha molte relazioni con i vicini e probabilmente conosce la persona giusta per risolvere quel problema. 

Esperienze anche in Italia

A Perugia ci sono “portieri di strada”, una sorta di mediatori che si prendono cura delle persone e risolvono i problemi del quartiere. L’idea è nata da un progetto europeo sulla sicurezza urbana, Share my European City in partnership con il Comune di Perugia e una cooperativa sociale. Il progetto promuoveva la figura dei “portieri di strada” ovvero dei mediatori, degli attori di quartiere che si prendono cura delle persone, che conoscono le varie problematiche e cercano di aiutare nelle piccole cose come portare a casa la spesa a un anziano.

I membri del gruppo hanno iniziato a condividere necessità e risorse, a scambiarsi competenze e conoscenze e a portare avanti, insieme, progetti collettivi d’interesse comune. E così, se devi riparare un rubinetto, o tuo figlio ha bisogno di ripetizioni d’inglese, oppure si decide di recuperare uno spazio alla collettività, basta un post sul gruppo per ricevere un aiuto per risolvere un problema o per raccogliere adesioni che si trasformano in azioni concrete.

Come per progetti simili, la forza di questo è puntare sulla relazione, sulla gratuità dei rapporti umani e della condivisione di beni immateriali e relazionali. Lulu dans ma rue in un anno ha fornito 4.500 servizi a 2.100 persone in uno solo quartiere di Parigi e per il 2017 hanno in programma di aprire altri due chioschi a Parigi. Il fenomeno delle Social street oggi conta 430 “strade sociali” in tutto il mondo con oltre 50.000 persone che fanno parte dei vari gruppi Facebook.