Home » APPROFONDIMENTI » Anche le auto si comprano sul web 2.0

Anche le auto si comprano sul web 2.0

automobili

Mercato 2.0 anche per le automobili?

Il web come nuova frontiera di acquisto per le auto

Anche le auto si comprano sul web 2.0. Da anni ormai il settore automobilistico è indirizzato verso quel concetto denominato internet of things, con le numerose innovazioni tecnologiche che hanno trasformato le automobili in un vero e proprio concentrato di dispositivi hi-tech sempre più interconnessi. Oggi per quanto riguarda le abitudini dei consumatori di ogni tipo di prodotto, specie considerando le fasi che precedono l’acquisto o la vendita di un veicolo, le nuove tecnologie rivestono un ruolo preponderante. I risultati del Cisco Customer Experience Report, studio realizzato alcuni anni fa dal gigante del settore IT interpellando oltre 1.500 consumatori di 10 paesi, già anticipavano lo scenario a cui si assiste oggi nel segmento automotive, nel quale a livello di prodotto la dotazione tecnologica si lega al successo di vendite di un determinato modello di auto, ma anche in cui la rete è divenuta la prima e fondamentale risorsa utilizzata dagli automobilisti per ottenere le informazioni utili a fare una scelta. Quindi cellulari, siti web, e dispositivi di comunicazione integrata sono sempre più imprescindibili nella comunicazione e nel branding dei diversi produttori, imponendo a tutta la filiera produttiva di rivedere radicalmente il proprio modello di business, per intercettare nuove tendenze di consumo che si appoggiano al web 2.0; per quasi la metà dei consumatori (il 47%,) l’innovazione tecnologica, anche in termini di comunicazione, è il fattore cruciale che influenza la reputazione di un marchio.

Incontro tra domanda e offerta

E’ diventato necessario anche per il mercato delle auto combinare l’immediatezza del web per far incontrare la domanda e l’offerta, offrendo a supporto del servizio una rete di filiali distribuite in maniera diffusa sul territorio per offrire una consulenza personalizzata. Gli ultimi due anni hanno registrato, anche in Italia, un aumento esponenziale di piattaforme online dedicate alla valutazione e compravendita di autoveicoli usati (appunto il 2.0) che offrono all’utente il vantaggio di evitare i classici inconvenienti di una trattativa tradizionale, come ad esempio la valutazione e determinazione del prezzo di vendita, l’incertezza nel pagamento, e la necessità di provvedere al disbrigo delle formalità burocratiche.

Salva

Salva

Salva