Home » APPROFONDIMENTI » Smart City, Roma sale in classifica

Smart City, Roma sale in classifica

Roma smart city?

Roma smart city?

Pubblicato il nuovo rapporto

Smart City, Roma sale in classifica al 19° posto. La nostra capitale tra le 42 smart cities del mondo per sviluppo urbano sostenibile e maturità ICT. E’ stata pubblicata in questi giorni l’edizione 2016 del Networked Society City Index 2016. Al primo posto c’è Stoccolma, seguita da Londra e Singapore. Oltre il podio d’onore, a completare la Top 10, troviamo Parigi, Copenhagen, Helsinki, New York, Oslo, Tokyo e Seoul. E’ una lista composta da 42 città di tutto il mondo selezionate in base al livello di sviluppo urbano sostenibile e di maturità ICT. In questa nuova edizione del Networked Society City Index, realizzato da Ericsson, si evidenziano significativi miglioramenti per Barcellona, Istanbul e Giacarta, mentre scendono Hong Kong, Mosca e Dubai.
UN-Habitat stima che il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle aree urbane entro il 2050. Fino ad oggi molte iniziative delle smart city hanno utilizzato l’ICT principalmente per ottimizzare gli esistenti sistemi e comportamenti, come per esempio il trasporto intelligente. Le città hanno invece bisogno di ripensare le strutture esistenti per cogliere appieno il potenziale dell’ICT e assicurarsi che “smart ” sia in realtà sostenibile”, ha dichiarato alla stampa il direttore di Ericsson Networked Society Lab.

Il risultato di Roma

Il buon risultato di Roma, dicono i ricercatori di Ericsson, è dipeso principalmente dagli investimenti per lo sviluppo economico, sociale e ambientale. Nel prendere in analisi i diversi elementi, lo studio ha messo in evidenza che, se da un lato la capitale italiana ha registrato buone prestazioni sotto questo profilo, dall’altro risulta ancora indietro dal punto di vista della maturità ICT.
Partendo proprio da quest’ultimo elemento, nel biennio 2014-2016, infatti, secondo il City Index, la città presenta ancora diverse aree problematiche e, in particolare, necessita di un’importante accelerazione nello sviluppo dell’infrastruttura per la banda ultra larga, mentre ha ottenuto un punteggio più alto per il livello di accessibilità ICT piuttosto che per la disponibilità di infrastrutture e per l’utilizzo della tecnologia. All’ 8° posto Roma si colloca per “economicità dell’ICT”, cioè le infrastrutture sono convenienti rispetto agli stipendi dei cittadini. Non va oltre il 16° posto per la “Dimensione sociale”, grazie ad un’elevata aspettativa di vita, ma potrebbe fare di più se si riducesse il tasso di disoccupazione, che è troppo alto. Occupa il 17° posto in termini di “Impatto ambientale”, zavorrata dalle alte emissioni di diossido di azoto, dalla raccolta differenziata dei rifiuti che non decolla e dal forte consumo di energia. Sotto l’aspetto della “Dimensione economica” (18° posto), deve aumentare il livello di educazione generale dei propri cittadini e quello delle competenze, a cui si affianca una scarsa penetrazione di smartphone e utilizzo di internet (21° posto, “ICT maturity – utilizzo”).

Salva

Salva

Salva

Salva