Home » APPROFONDIMENTI » Turismo accessibile con Helios a Giulianova

Turismo accessibile con Helios a Giulianova

Turismo per tutti a Giulianova

 

Inaugurata una struttura ricettiva che contribuirà all’accessibilità turistica per tutti i cittadini, anche quelli che vivono una condizione di disabilità. Queste sono le good news che vorremmo leggere tutti i giorni dal mondo della cooperazione sociale, del volontariato, nell’associazionismo e del terzo settore in generale. Questa in realtà è vita quotidiana, non “narrazione” usata spesso strumentalmente per attaccare un mondo che già vive con molte difficoltà. Il  Lido Helios, gestito dall’Unmil (Unione nazionale mutilati e invalidi del lavoro), attrezzato per ospitare bagnanti disabili e le loro famiglie. Lo stabilimento sul lungomare Zara è lo stesso dove fino a un paio d’anno fa c’era il lido Fand, che aveva la stessa funzione.  Giulianova è un comune della provincia di Teramo in Abruzzo. Città storica, possiede una forte vocazione commerciale e turistica, e si colloca fra le più frequentate stazioni balneari del Medio Adriatico. È il dodicesimo comune della regione per popolazione e terzo (secondo come città) della provincia di appartenenza. Dal 2000 si è spesso fregiata dalla Bandiera Blu. Significativo dunque, per non dire doveroso, che esistano strutture accessibili di eccellenza. Ad aggiudicarsi il nuovo contratto, della validità tre anni, è stata l’associazione Unmil, presieduta da Vincenzo Tassoni che, con il progetto Helios, ha riaperto i battenti dello stabilimento, rimasto chiuso lo scorso anno. Per agevolare l’utilizzo da parte dei disabili ci saranno passerelle, servizi attrezzati e le sedie da mare Job dotate di grandi gomme gonfiabili che possono trasportare le persone in acqua e muoversi in sicurezza e comodità sulla sabbia. Abbiamo sentito telefonicamente il cav. Tassoni, presidente di Helios, e chi ha tenuto ha ricordare il suo impegno nell’Unmil i cui compiti e obiettivi si estendono a tutto ciò che concerne il godimento di una vita indipendente che passa anche attraverso il turismo accessibile.

Lascia un Commento